lunedì 10 settembre 2018

"The Lover's Tale" di Francesca Bianchi: quando si è prigionieri delle passioni.........




Grazie all’amicizia che mi lega alla parfumeur Francesca Bianchi sin dall’inizio dei suoi primi lavori, ho potuto godere in anteprima della sua quinta opera olfattiva che verrà presentata  venerdì 14  settembre per  Pitti Fragranze n. 16 : " The Lover's Tale"  

L’idea di Francesca Bianchi è quella di un rimando al Cuir De Russie del 1924 di Chanel, ma  se l’opera di Ernest Beaux è frizzante e floreale con una nota cuoiata che sulla mia pelle fa solo timidamente capolino, l’interpretazione di Francesca è forte ed esplosiva, con una potenza deflagrante,  ove protagonisti incondizionati e incontrastati sono: il cuoio ed il preziosissimo Gelsomino Egiziano  onde creare un accordo narcotico ammorbidito da una rosa talcata,   insieme al castoreum ed il labdanum.  La fragranza è molto trasgressiva così    come nel 1974 lo fu il film di Liliana Cavani: Il Portiere di Notte  che vede i due protagonisti  vittima e carnefice legati  da una passione irresistibile quanto proibita.  
Scena tratta dal film Portiere di Notte di Liliana Cavani 
                                                                                                                 
  Nel 1957,  anni dopo la seconda guerra mondiale ,  in una cupa e livida Vienna si incontrano per  casualità Lucia, una ex deportata ebrea sopravvissuta al campo di concentramento ed il suo aguzzino Maximilian che, sotto falso nome, lavora come portiere di notte in un albergo di  Vienna:  Max è ancora ossessionato dalla passata relazione torturatoria,  ambigua e perversa   nota anche come Sindrome di  Stoccolma .   I due    subiscono reciprocamente un'attrazione incontrollabile mettendo in  atto la contraddizione tra ragione e sentimento, che li porterà a legare i loro destini nonostante il passato oscuro che entrambi condividono, una passione, ossessione che si fa sempre più eccitante  alimentata dal pericolo rappresentato dai camerati di Max che non sembrano cambiati affatto nel loro atteggiamento da nazisti fanatici. Max e Lucia divengono nel film i due iniziati che percorrono un processo di purificazione  Il film è infatti una lotta estenuante tra forze opposte (giorno/ notte, luce/ oscurità, assunzione delle proprie responsabilità/vergogna, portare alla luce/nascondere) che tentano una risoluzione, mettendo in scena le contraddizioni tra ragione e sentimento: pudore e passione
Scena tratta dal film Portiere di Notte di Liliana Cavani 


  Come tutti i lavori di Francesca, The Lover's Tale è ricco di materie prime naturali, e la base cuoiata insieme al castoreum  è di una raffinatezza unica sebbene sia ben presente la nota animale,  pur se in modo  ricercato ed elegante.  Le altre note presenti nella fragranza come eliotropio, burro d’iris  (signature della parfumeur) e rosa bulgara  scaturiscono solo nell’evoluzione finale  allorquando si spegne la potenza del cuoio quasi a sottolineare la redenzione dei due amanti.
La nuova opera olfattiva di Francesca Bianchi si presenta come le precedenti in 30  ml di extrait de parfum 
bergamotto, miele, mimosa, aldeidi
gelsomino egizano, rosa bulgara, eliotropio, pesca, burro d’iris, cuoio, muschio, castoreum, labdanum
sandalo, vetyver, muschio di quercia.



2 commenti: